BenessereDieteSalute

Il corpo invia segnali di avvertimento prima di aumentare di peso

Per molto tempo è stato detto che “il corpo avverte” di alcune malattie, ma ora questo è stato dimostrato dagli scienziati dell’Università Internazionale della Catalogna (UIC), a Barcellona, ​​che hanno scoperto che una dieta ricca di grassi tra i tre e i sette giorni attiva segnali di avvertimento nel cervello, prima che il corpo aumenti di peso.

Da questa scoperta, gli esperti propongono di trattare il sovrappeso in modo diverso in base al genere del paziente – poiché i topi in cui gli esperimenti sono stati eseguiti in laboratorio hanno reagito in modo diverso a seconda che fossero maschi o femmine – e lavorano su metodi di Prevenzione dell’obesità dal cervello.

parte del viso di una donna che mangia pizza

Nello studio condotto dal Neurolipid Research Group della UIC School of Medicine and Health Sciences, hanno osservato che sia il sistema endocannabinoide – che regola l’omeostasi energetica ed è collegato allo sviluppo dell’obesità – e il grasso Brown – che esegue il processo di termogenesi e influenza anche il peso del corpo – ha reagito a una dieta ricca di grassi.

Pubblicato nel Journal of Lipid Research , i documenti di ricerca in risposta alla dieta in eccesso aumentano gli endocannabinoidi nell’ipotalamo, regione del cervello che controlla l’appetito e il metabolismo del corpo, nonché una maggiore attività del grasso bruno responsabile di incoraggiare il consumo di calorie per perdere peso.

il busto di una donna di profilo che regge un paio di pantaloni larghi

Allo stesso modo, è stato osservato che la risposta era maggiore nei topi femmine rispetto ai maschi, il che indicherebbe che le donne hanno una maggiore protezione contro l’obesità rispetto agli uomini: “verificiamo che quando questi grassi vengono ingeriti in periodi di tempo ridotti , ci sono differenze per sesso. I livelli di endocannabinoidi rilevati sono più elevati nel caso delle donne “, ha affermato la dott.ssa Rosalía Rodríguez, una delle autrici dello studio.

Núria Casals, un altro dei ricercatori, ha chiarito che questi segni premonitori del cervello sono stati identificati solo quando l’obesità è iniziale e non nelle fasi avanzate della patologia, quindi i risultati ottenuti saranno orientati per esplorare nuovi biomarcatori dell’obesità e trattare questa malattia in modo preventivo e in modo diverso a seconda del genere della persona.

FONTE:https://donnaweb.net/

Tags

Related Articles

Back to top button
error: Content is protected !!
Close